Home > Notizie > In Israele, installazione industriale del periodo bizantino ritrovata sotto il manto stradale di Giaffa (20 febbraio 2013)

In Israele, installazione industriale del periodo bizantino ritrovata sotto il manto stradale di Giaffa (20 febbraio 2013)

Fonte de notizia: Israel Antiquities Authority
Inserito da Ombretta Pisano, il 22/02/2013

Archivio di notizie

In Israele, installazione industriale del periodo bizantino ritrovata sotto il manto stradale di Giaffa (20 febbraio 2013)

Nuovi scavi della Israel Antiquities Authority offrono uno squarcio su secoli di storia che giace sotto le caotiche strade di Giaffa.

Gli scavi, effettuati in previsione della realizzazione di un piano di ammodernamento in un’area dell’antico quartiere di Tel Aviv che comprende sette strade (Noʽam, Magen Avraham, Hai Gaon, Yossi Ben Yossi, Ardon, Ba’alei Ha-Tosafot and Resh Galuta), hanno portato alla luce i resti di una installazione industriale per l’estrazione di liquidi, di epoca bizantina.

Normalmente, questo tipo di installazioni sono ricondotte alla produzione di vino o altre bevande alcoliche estratte dalla frutta prodotta localmente, ma secondo Yoav Arbel, direttore degli scavi, si tratta della “prima struttura di epoca bizantina ad essere scoperta in questa parte della città. Il fatto che l’installazione sia localizzata relativamente lontano da Tel Yafo (il nucleo più antico di Giaffa, n.d.r.) aggiunge una dimensione importante alla nostra conoscenza della massiccia distribuzione agricola nella regione in questo periodo. L’installazione, che probabilmente data alla seconda metà del periodo bizantino (sesto secolo, inizio settimo secolo) è costituita da superfici pavimentate con un mosaico industriale. E’ proprio l’impermeabilità del mosaico che fa ipotizzare che tali strutture fossero spesso dedicate all’estrazione e lavorazione di liquidi… E’ possibile che quella ritrovata rappresenti solo una parte di una installazione più ampia, che potrebbe essere ulteriormente portata alla luce da scavi che saranno condotti prossimamente nel resto dell’area”.

A completamento degli scavi, nuove infrastrutture sono state collocate sul posto in modo da proseguire nel progetto di ammodernamento senza danneggiare gli antichi manufatti e in modo da preservarli e renderli fruibili alle future generazioni. 

83 visualizzazioni