Home > Studi e recensioni

Studi e recensioni

05/12/2017: Pillole di Bibbia - L'Alleanza, manifesto dell'amore liberato

Articolo di Ombretta Pisano

Siamo arrivati alla mèta del pellegrinaggio lungo il deserto, allo scopo per il quale Dio ha chiamato Mosè, e nella Pasqua ha liberato il popolo che ama: l’Alleanza, l’atto con cui questo popolo che Dio ama diventa “suo” popolo, popolo di Dio. I capitoli dedicati... (Continua)

 

27/11/2017: Pillole di Bibbia - Verso la libertà

Articolo di Ombretta Pisano

Nel tempo pasquale, abbiamo modo di accostarci ai testi che si trovano alle radici della nostra fede, i racconti della Pasqua. La descrizione che ne troviamo nel libro dell’Esodo è quella di una festa che è “memoriale perenne” della salvezza prodigiosa operata dal... (Continua)

 

08/11/2017: Pillole di Bibbia - Vocazione di Mose’ (Esodo 2,23 – 3,15)

Articolo di Ombretta Pisano

Sono passati altri 40 anni (Atti 7,30) da che Mosè si stabilì a Madian, un periodo di vita di circa una generazione. E’ il tempo della vita ordinaria, feriale di Mosè; il tempo della sua macerazione, ma anche di una maturazione in senso buono, di una “liberazione”... (Continua)

 

30/10/2017: Pillole di Bibbia - “Mosè uscì verso i suoi fratelli” (Es 2,11-15): dalla generosità al fallimento

Articolo di Ombretta Pisano

In quei giorni Mosè, cresciuto in età, uscì verso i suoi fratelli. Vide il loro peso; vide pure un uomo egiziano colpire un uomo ebreo, uno dei suoi fratelli.  Si voltò in qua e in là, vide che non c'era nessuno, e colpì... (Continua)

 

19/10/2017: Pillole di Bibbia - "Nacque Mosè e fu gradito a Dio"

Articolo di Ombretta Pisano

Nel Libro degli Atti degli Apostoli (cap. 7), nel suo discorso prima di subire il martirio, Stefano parla di Mosè: “Avvicinandosi il tempo della promessa…nacque Mosè e fu gradito a Dio”. Infatti, in tutto il Nuovo Testamento e per molta letteratura cristiana... (Continua)

 

01/11/2015: Configurazioni del "Kyrios ho Theos" in 2 Maccabei

Articolo di Maria Brutti

Lo studio delle configurazioni del "Kyrios ho Theos" nel secondo libro dei Maccabei non ha la sua ragione d’essere in una rassegna più o meno completa degli appellativi o titoli divini, ma significa entrare nel cuore di alcuni problemi che sono centrali nello sviluppo del... (Continua)

 

08/09/2015: Moralia in Iob - La trasformazione di un personaggio: Giobbe figura Christi

Articolo di Maria Brutti

Parlare di quella che è ritenuta l’opera più importante di san Gregorio Magno, Moralia in Iob, significa trovarsi di fronte a numerosi interrogativi, che pongono per un biblista innanzi tutto la questione della relazione con il testo originale. Definito uno dei dieci capolavori... (Continua)

 

18/07/2015: Il Nome segreto di Dio

Articolo di Ombretta Pisano
Una direttiva cattolica della Congregazione per il Culto Divino emanata alla fine di giugno del 2008 , raccomanda di evitare di nominare Dio con i derivati del Tetragramma sacro nei testi e nei canti liturgici, e di utilizzare le espressioni linguistiche che si riferiscono a Lui come  'Signore'.... (Continua)
 

12/06/2015: I SALMI NEL LIBRO DELL’APOCALISSE, ESAME TESTUALE E DATO AMBIENTALE. Alcune categorie ermeneutiche come criteri d’individuazione e direttive d’interpretazione

Articolo di Ombretta Pisano

Nell'ambito del dibattito sul rapporto tra il Primo Testamento e l'Apocalisse la presenza dei Salmi è stata fino ad ora trascurata. Eppure essa merita un'attenzione particolare per il numero delle ricorrenze, uno dei più alti rispetto agli altri libri veterotestamentari.... (Continua)

 

28/05/2015: G. VERMES, Christian Beginnings. From Nazareth to Nicaea (AD 30-325), Penguin Books, London 2012, pp. XVI-272

Recensione di Maria Brutti

Fare una recensione di questo libro del grande studioso  Geza Vermes è compito quanto  mai arduo per la sua complessità e per il suo carattere multidisciplinare. È compito di un biblista, un esegeta del NT più in particolare,  uno storico, uno studioso... (Continua)

 

28/05/2015: Corrado MARTONE (a cura di), Lettere di Bar Kokhba. Testi del Vicino Oriente Antico, 6. Letteratura ebraica e aramaica, 2. Brescia, Paideia Editrice, 2012

Recensione di Maria Brutti

 This small volume contains 18 letters from the time of the Second Jewish Revolt against Rome (132-135 CE) found in the Wadi Murabba’at and Nahal Hever caves in the Judean Desert, twelve of them... (Continua)

 

28/05/2015: FLAVIUS JOSÈPHE, Les antiquités juives. V. Livres X-XI, établissement du texte, traduction et notes par ÉTIENNE NODET, Cerf, Paris 2010, pp. LXXXIII-166/166

Recensione di Maria Brutti

 Questo Continua)

 

06/02/2014: Apps, web e conoscenza della Bibbia. Una riflessione a margine di una nuova risorsa

Articolo di Ombretta Pisano

La riflessione che propongo è scaturita dalla lettura di un articolo riguardante una nuova iniziativa americana sulla Bibbia, pubblicato on-line sulla pagina "Vatican Insider" del quotidiano La Stampa, dal titolo: "Quando uno smartphone ti racconta la Bibbia. Colonne... (Continua)

 

26/11/2013: Il Salvatore che guarisce e riconcilia: il ritratto di Gesù in Luca

Articolo di Philip Cunningham

Lettura preliminare del Vangelo

Come con gli altri due Vangeli, si consiglia di iniziare il nostro esame di questo evangelista, leggendone il Vangelo nella sua interezza. Utilizzare lo schema che segue aiuterà nel notare i vari contrasti tra... (Continua)

 

18/11/2013: Il Figlio dell’Uomo Sofferente: il ritratto di Gesù in Marco

Articolo di Philip Cunningham

Prima di iniziare questo saggio, sarebbe utile leggere tutto il Vangelo di Marco dall'inizio alla fine, in una sola volta se possibile. Ciò eviterebbe di occuparsi di questo evangelista in modo frammentario, e renderebbe più evidente il suo stile personale. Potrebbe... (Continua)

 

12/11/2013: La Sapienza Vivente di Dio: Il ritratto del Gesù di Matteo

Articolo di Philip Cunningham

Per cominciare ad esaminare  questo evangelista, si potrebbe ottenere un senso del suo stile particolare e delle enfasi leggendo l’intero Vangelo. Il lettore può trovare utile lo schema seguente, e potrebbe anche prendere particolarmente atto di queste caratteristiche... (Continua)

 

10/11/2013: La scrittura dei vangeli 1 - Introduzione

Articolo di Philip Cunningham

A partire dalla conclusione del Concilio Vaticano II nel 1965,  la comunità cattolica romana è stata testimone del risveglio di un enorme interesse verso la Bibbia.  Un gran numero di cattolici ha cominciato ad esplorare una Bibbia che in precedenza non era stata loro familiare.... (Continua)

 

25/09/2013: “Chi si occupa della Torà è chiamato amico ed è amato….la Torà diventa come una fonte inesauribile e come un fiume che scorre sempre ricco di acqua” (Pirqê Avot 6,1) Alcune libere riflessioni in merito a Pirqê Avot

Articolo di Maria Brutti

“Chi si occupa della Torà è chiamato amico ed è amato….la Torà diventa come una fonte inesauribile e come un fiume che scorre sempre ricco di acqua” (Pirqê Avot 6,1).. Continua)

 

15/09/2013: Ho una domanda che riguarda il Nome di Dio. Ho sentito dire che un tempo veniva pronunciato. E' possibile risalire a questa pronuncia? Si tratta effettivamente di quella che troviamo nelle nostre Bibbie (Yahvé - Yehova)?

Risposta di Ombretta Pisano

Gentile Tonino, uno studioso ebreo così sintetizza la questione:

Si riconoscono 7 parole che si riferiscono a Dio: El, Elo'ah, Elohim, Elohei, Shaddai, Tzeva'ot e il Tetragrammaton (lettere YHWH). Di tutte queste solo l’ultima è considerata così... (Continua)

 

31/08/2013: Ho una domanda che riguarda ciò che accade dopo la morte ed il giudizio. Viene insegnato che tutti "i buoni" vanno in cielo. Per quanto riguarda il re Davide, benchè abbia commesso peccati gravi risulta che sia stato perdonato al punto che Dio lo definisce "un uomo secondo il mio cuore" e nella Bibbia, come ad esempio nella lettera agli Ebrei cap. 11, viene citato come esempio di fede. Come mai allora in Atti 2:34 è scritto che non è andato in cielo? Non è vero che "tutti i buoni" vanno in cielo?

Risposta di Ombretta Pisano

Gentile Antonello, la domanda che ci pone riguarda il destino di tutti coloro che la rivelazione biblica definisce ‘giusti’ e, nella sua esemplificazione, il re Davide. La definizione di ‘giusto’ nella Bibbia – come già lei rileva giustamente a proposito di... (Continua)

 

30/05/2013: MATTEO è un Vangelo antiebraico? I Parte: L’enigma del Figlio dell’Uomo

Articolo di Maria Brutti

Introduzione

 

Negli ultimi venti anni, negli studi sul Vangelo di Matteo il problema del contesto sociale è diventato centrale, ricevendo un’attenzione che è almeno paragonabile  alla questione del Gesù storico. L’approccio... (Continua)

 

29/05/2013: Gesù Cristo e il popolo ebraico. Spunti da una nuova lettura della Lettera agli Ebrei

Articolo di Maria Brutti

Introduzione

Questo intervento prende lo spunto da un libro recentemente uscito, sotto il titolo Christ Jesus and the Jewish people Today. New Explorations of Theological Interrelationships, frutto di una collaborazione di studiosi... (Continua)

 

24/05/2013: Miracoli di Gesù e Vangeli. La questione della polemica antifarisaica

Articolo di Maria Brutti

Scopo di questa ricerca non è l’analisi del problema storico dei miracoli, né la rassegna dei vari tipi di miracolo, ma una prospettiva più particolare: quella del rapporto tra Gesù e l’Ebraismo del suo tempo, così come può essere definito dai... (Continua)

 

24/05/2013: Il valore dei 'Testimoni' a Qumran

Articolo di Maria Brutti

I TESTIMONI NEL ROTOLO DEL TEMPIO
(11 QT 61  6-12;  11QT 64  7-9)

Nel Rotolo del Tempio (11Q T), il più lungo manoscritto trovato finora a Qumran, molto probabilmente... (Continua)

 

23/05/2013: "E abiterà con loro" (Ap 21,3) - La Gerusalemme Celeste e la Shekinah

Articolo di Ombretta Pisano

L'esperienza della prossimità di Dio veicolata dal termine Shekinah assume diverse sfumature anche apparentemente contraddittorie,... (Continua)

 

15/02/2013: Creazione in Cristo e Jinen (Natura).

Articolo di Maria Brutti

Creazione in Cristo e Jinen (Natura)

Cristianesimo e Buddhismo  in Dialogo

 

Introduzione

Questo lavoro si propone di cercare la possibilità di un confronto... (Continua)

 

13/02/2013: Povertà e ricchezza nella Bibbia

Articolo di Maria Brutti

1. Varietà di atteggiamenti nell’AT di fronte alla povertà e alla ricchezza

Il tema della povertà è stato definito come il più paradossale della Rivelazione biblica. Di fronte alle esigenze fondamentali ed elementari dell’esistenza... (Continua)

 

13/02/2013: Parola divina e libera volontà dell’uomo nel pensiero arabo e nella filosofia ebraica del Medioevo

Articolo di Maria Brutti

       

 

Premesse

All’interno dello studio della Filosofia Islamica, uno dei temi più affascinanti è stato il discorso sulla teologia speculativa del kalām. Vorrei... (Continua)

 

05/02/2013: Il segno di Lazzaro (Gv 11,1-45)

Articolo di Ombretta Pisano

Il racconto del "risveglio" di Lazzaro rappresenta uno snodo decisivo per l'intera narrazione giovannea come per la vicenda terrena di Gesù. Dopo i diversi tentativi da parte delle autorità di Gerusalemme di eliminarlo (in seguito alla dichiarazione solenne nell'ultimo... (Continua)

 

09/01/2013: Studiare la Torah nel ghetto di Varsavia

Articolo di Maria Brutti

Riflessioni nello spirito della Giornata per l'approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cattolici ed ebrei17 gennaio 2013

Parlando della fede ebraica dopo l’Olocausto, Emil Fackenheim affermava: “In ultima analisi, l’interrogativo... (Continua)

 

19/12/2012: La creazione dell'uomo e della donna secondo il midrash

Articolo di Maria Brutti

Creazione e relazione uomo-donna nel midrash

1.  Cenni sui presupposti teorici del midrash

Questo lavoro si propone di considerare l'interpretazione rabbinica di un tema esegetico-biblico; quello della creazione... (Continua)

 

12/12/2012: Ritengo che sia incredibile ciò che dice la teologia antica sul peccato originale. Se Adamo è un simbolo (l'umanità) come fa a trasmetterci il peccato?

Risposta di Maria Brutti

A questa domanda, se ne potrebbero aggiungere altre: Perché Gesù il Cristo è il salvatore degli uomini? Perché gli uomini hanno bisogno di essere salvati? In che senso gli uomini sono tutti peccatori?

E’ vero, i primi 11... (Continua)

 

14/12/2012: Chi sono i "figli di Dio" e le "figlie degli uomini" di cui si parla in Genesi 6?

Risposta di Ombretta Pisano

La narrazione di Gen 6 è senza dubbio una delle più oscure e, come spesso succede, di testi così oscuri sorgono le interpretazioni più fantasiose. Sottolineo innanzitutto alcuni argomenti che occorre considerare.

I capitoli 1-11 del libro della Genesi costituiscono... (Continua)

 

09/12/2012: Perchè al giorno d'oggi non siamo capaci di vedere o di credere nei miracoli?

Risposta di Maria Brutti

Questa domanda ci riporta direttamente alla Bibbia, dove tutta la storia di Israele è caratterizzata da interventi di Dio che possono essere descritti come “segni” e “miracoli”. “Segni” dai quali il popolo ebraico deve riconoscere il suo Dio. Tuttavia... (Continua)

 

28/11/2012: "Su quale base biblica Maria è mediatrice, soprattutto se consideriamo il testo di I Timoteo 2,5 che si riferisce a Cristo come unico mediatore? Ora, se lei può intercedere, è perché è viva, ma come si può dire che è viva se, in 1Cor 15,20 Cristo è la primizia di coloro che dormono? E come spiegare che Maria è risuscitata se in 1Tess 4,16 è scritto che coloro che sono morti in Cristo non sono ancora risorti?"

Risposta di Maria Brutti

La prima domanda introduce il problema della relazione tra la mediazione di Maria, così come affermata esplicitamente dalla Tradizione della Chiesa Cattolica (vedi in Lumen Gentium nr. 62 dove tra gli attributi a Maria nel culto è stato inserito anche quello di “mediatrice”)... (Continua)

 

01/12/2012: Cosa significa la parola Tehillah?

Risposta di Maria Brutti

Nella Bibbia ebraica abbiamo diverse forme di preghiera e differenti parole che indicano la preghiera. Una di queste è tephillah, parola che significa, in senso generale, “supplica a Dio”, ma anche “intercessione, supplica per un altro” (vedi, ad esempio... (Continua)

 

28/11/2012: Quando e dove è morto l'apostolo Giovanni? Trovo indicazioni nella Bibbia?

Risposta di Ombretta Pisano

Nel Nuovo Testamento non troviamo alcuna notizia sulla morte dell’apostolo Giovanni.

Le informazioni che possediamo vengono dalla tradizione dei Padri della Chiesa, alcuni dei quali ebbero contatto con i discepoli degli apostoli.

Ireneo, lo storico Eusebio, Giustino,... (Continua)

 

27/11/2012: Alcune note in merito all’articolo di M. Naro (RivBib 1 (2012), 7-31))

Articolo di Maria Brutti

Come si legge nell’editoriale del n. 1 del 2012,  Rivista Biblica, l’organo ufficiale dell’Associazione Biblica italiana, in occasione della ricorrenza dei sessant’anni della sua nascita, ha proposto quattro articoli sul tema “Scritture ebraiche e Antico... (Continua)

 

22/11/2012: Alcune note sulle categorie di “purità/impurità” nella tradizione ebraica e musulmana

Articolo di Maria Brutti
  1. Il concetto di “Purità e Impurità” come discriminante

Come suggeriva Mary Douglas nella introduzione al libro “Purezza e Pericolo”, ancora oggi fondamentale per chi si accosta alla ricerca sulle categorie del puro... (Continua)

 

20/11/2012: Le figlie di Agàr e il lungo cammino alla ricerca dell'acqua

Articolo di Maria Brutti

Introduzione

Scopo di questo lavoro è quello di dare un piccolo contributo alla riflessione sul dialogo interreligioso, visto secondo la prospettiva femminile. Essendo io stessa donna, è quest’ultimo un tema che mi ha interessato molto e mi ha colpito... (Continua)

 

21/11/2012: Chi sono i due testimoni dell'Apocalisse? Sono tra noi?

Risposta di Ombretta Pisano

Il riferimento ai “due testimoni” si trova in Ap 11,3-12. Si tratta senza dubbio di personaggi straordinari. Le loro azioni sono descritte in tre parti della pericope: predicano accompagnando la parola con la capacità di realizzare prodigi; vengono perseguitati da parte di coloro... (Continua)

 

27/11/2012: Come l'Apocalisse presenta Gesù?

Risposta di Ombretta Pisano

Gentile Angela, una risposta dettagliata alla sua domanda richiederebbe un vero trattato di cristologia. Lo spazio a mia disposizione mi obbliga ad indicare solo alcuni aspetti della figura di Gesù nell'ultimo Libro del Nuovo Testamento, quelli che emergono soprattutto dai numerosi titoli... (Continua)

 

19/11/2012: D'accordo con l'ordine dato a Mosè i sacerdoti potevano essere soltanto della tribù di Levi. In 1Samuel 1,1 è evidente che il giudice, profeta e sacerdote Samuele era efraimita. Come spiegare questa eccezione?

Risposta di Maria Brutti

La storia del sacerdozio dell’Antico Testamento è piuttosto complessa ed ha avuto uno sviluppo parallelo alla evoluzione della società e delle sue strutture politico-sociali. Se consideriamo anche il fatto che i Libri dell’Antico Testamento sono stati composti lungo l’arco... (Continua)

 

27/11/2012: Come era la convivenza degli apostoli e dei primi cristiani con gli ebrei e con le chiese eretiche nei primi tre secoli?

Risposta di Maria Brutti

Gli studi più recenti sulle origini cristiane indicano il periodo che va dal I al III secolo sotto il nome di “Judaism-Christianity” (Ebraismo-Cristianesimo). Secondo alcuni studiosi, bisognerebbe oggi abbandonare una visione monolitica della Chiesa antica, come quella ad esempio... (Continua)

 

19/11/2012: Da dove dovrei cominciare a leggere la Bibbia?

Risposta di Ombretta Pisano

Sulla base della mia esperienza, prendo come riferimento la Bibbia cattolica. Premetto che consigliare di leggere prima alcuni Libri rispetto ad altri, non significa considerare i secondi meno importanti. Immagino che la domanda venga da qualcuno che inizia il suo percorso di conoscenza del libro,... (Continua)