Articolo: I Profeti della Cappella Sistina

13/02/2020     Maria Brutti     28

Scarica archivio PDF con l'articolo commpleto

“Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un’idea apprezzabile di cosa un uomo sia in grado di ottenere”. (GOETHE)

“Quest’opera è stata veramente un faro della nostra arte, ed ha portato tale beneficio ed illuminazione all’arte della pittura che fu sufficiente ad illuminare il mondo che per molti secoli era rimasto nell’oscurità. E a dir la verità, chiunque sia un pittore non ha più bisogno di preoccuparsi nel vedere innovazioni ed invenzioni, nuovi modi di dipingere la pose, i vestiti sulle figure, e vari dettagli che ispirino un timore reverenziale, perché Michelangelo diede a quest’opera tutta la perfezione che può esser data ai dettagli”. (GIORGIO VASARI)

La Cappella Sistina venne fatta erigere dentro lo Stato Pontificio dal 1474 al 1483 da Papa Sisto IV della Rovere, che fu lo zio di Giulio II, il Papa che incaricò Michelangelo di affrescarne la volta nel 1508.

La Cappella venne inaugurata il 15 Agosto 1483 e fu dedicata alla “Vergine Assunta in Cielo”.

Essa venne pensata come un palazzo isolato all’interno delle mura pontificie; una cappella privata dove si potessero svolgere le cerimonie più importanti e sede di riunione del Conclave in occasione dell’elezione di un nuovo pontefice (tradizione che continua ancora ai giorni nostri).

Scarica archivio PDF con l'articolo commpleto